Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

Articoli taggati 'opinione'

Io sto con chi li chiama grillini

Il punto di vista di un critico del MoVimento 5 Stelle.

Leggi tutto: Io sto con chi li chiama grillini

Io sto con gli attivisti del MoVimento

Il punto di vista di un simpatizzante del MoVimento 5 Stelle.

Leggi anche: "Io sto con chi li chiama grillini"

Da simpatizzante del MoVimento 5 Stelle, sono contento per i buoni risultati conseguiti alle elezioni regionali che si sono svolte in Sicilia.

Leggi tutto: Io sto con gli attivisti del MoVimento

Editors: neo-wave a manetta!!

Un bel giorno decido di andare al concerto dei Red Hot Chili Peppers, e chi ti scopro?

Una band di supporto di tutto rispetto...

Loro sono gli Editors, originari di Birmingham e fautori di un sound che richiama gli anni '80 ma che si inserisce perfettamente nel panorama attuale della musica britannica. Per dirla in due parole: band della scena neo-wave.

Leggi tutto: Editors: neo-wave a manetta!!

USA: Ecco perché Romney non può (e non deve) vincere

Tutto quello che c'è da sapere sulle prossime elezioni presidenziali negli Stati Uniti

Il 6 novembre sarà ricordata come la data che potrebbe cambiare la Storia. Nessuna sconvolgente rivelazione sulla vita eterna, il palesarsi di un messia, o la fine del Mondo (anzi no, forse quella potrebbe essere), solo l’“Election Day” per gli Stati Uniti d’America (sul perché sia di martedì, se ancora qualcuno non lo sapesse, Wiki ci dà una mano).

Leggi tutto: USA: Ecco perché Romney non può (e non deve) vincere

Kasabian: amore a prima vista!

Non c'è niente da fare: sono per i colpi di fulmine!

Tutta colpa di una canzone, Goodbye Kiss, e i Kasabian mi sono entrati nel cuore!

A volte mi basta una canzone per innamorarmi di un gruppo...

Dall'incontro tra il rock anni Sessanta-Settanta e l'elettronica nasce uno dei migliori gruppi degli ultimi anni: i Kasabian.

Leggi tutto: Kasabian: amore a prima vista!

The Black Keys: ormai una certezza!

Daniel Quine Auerbach e Patrick Carney suonano insieme dal lontano 2001.

Io li ho scoperti solo l'anno scorso, grazie al singolo di successo Gold on The Ceiling.

Loro sono i Black Keys, duo alternative rock di Akron, nell'Ohio.

Saranno in concerto a Torino l'1 di dicembre prossimo e io non me li perderò per nulla al mondo!

Nel 2001 Dan prenotò la sala di registrazione nel seminterrato di Patrick per registrare con la sua band di allora, The Barnburners.

Leggi tutto: The Black Keys: ormai una certezza!

Germano consiglia: "Funny Games" (Austria, 1997)

(Trama film da wikipedia)

Un gioco divertente. Michael Haneke ci porta dentro al suo "Funny Games" (la versione originale, quella del 1997) in maniera esemplare e repentina. Dalla serenità della musica lirica proveniente dal lettore CD della station wagon di una giovane famiglia, al frastuono anti-melodico della chitarra e della voce di John Zorn.

Nei titoli di testa vi è già il contrasto e la tensione che esploderà di lì a poco.

Leggi tutto: Germano consiglia: "Funny Games" (Austria, 1997)

Germano consiglia: This must be the place (Italia, 2011)

“I am the passenger and I ride and I ride

I am the passenger

I stay under glass

I look through my window so bright” 

Iggy Pop - The Passenger 

Il testo della canzone di Iggy Pop, a mio parere, rappresenta un condensato dell’ultima opera di Sorrentino e del suo protagonista, più ricco ed intenso di quanto non lo sia, invece, This must be the place dei Talking Heads, che pur assume un ruolo importante all’interno di esso e che dà il titolo al film stesso.

Leggi tutto: Germano consiglia: This must be the place (Italia, 2011)

'giorno mondo - Al contrario

"¡ɐʇsıʌ ıp ıʇund ıɹʇsou ı ossǝds ǝɹɐıqɯɐɔ ɐuƃosıq ǝɹǝɔsǝɹɔ ɹǝd"

Voi starete pensando che mi sono ammattita nella notte... e invece no.

Avete presente (parlo alle donnine in questo piccolo frangente) quando la pennoira (la parrucchiera, per i non piemontesofoni...) di turno ti dice “mettiti a testa in giù” giusto per dare l’ultima phonata a piega ultimata? “Poi tira su velocemente” et voilà... Tutto torna al suo posto.

Bene, è un esercizio che dovremmo provare a fare più spesso.

Leggi tutto: 'giorno mondo - Al contrario

Germano Consiglia: The tree of life (Usa, 2010)

Non ho mai visto il volto di Terrence Malick. Sarà la sua riservatezza, sarà perchè non concede interviste... Tuttavia credo di poter dire che sia il regista che conosco più a fondo. In The tree of life l’autore, infatti, si mette a nudo e ci mostra tutta la sua sensibilità e la sua religiosità (fin troppa), fortunatamente asservita alla sua genialità, in una maniera ancora più ampia che in The thin red line (La sottile linea rossa).

Leggi tutto: Germano Consiglia: The tree of life (Usa, 2010)