Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

Articoli taggati 'opinioni'

Le colpe degli italiani chiacchieroni

Sbigottito, il popolo italiano assiste inerme all’ennesimo capolavoro del nostro parlamento. Impotente di fronte a questo scempio, il volgo non fa altro che sfogare la propria rabbia con le parole, davanti a una bella tazza di caffè al bar sotto casa o dal proprio computer, comunicando al mondo la propria insofferenza in stile Robespierre.

A ciò, poi, si aggiunge l’invito offerto da Grillo di andare a Roma a manifestare perché c’è in ballo la democrazia: tutto, ormai, risulta molto chiaro.

Leggi tutto: Le colpe degli italiani chiacchieroni

Voto palese per una democrazia davvero diretta

Come si potrebbe rendere realmente diretto il contatto tra elettori ed eletti? Come far sentire la propria opinione a chi ha avuto il nostro voto? Come pretendere ascolto, e non elemosinarlo?

Un'idea assurda

Secondo me, con il voto palese. Ma non tanto quello degli eletti in parlamento o nei consigli locali, quanto piuttosto quello degli elettori.

In pratica, quando si va a votare, si registra pubblicamente il proprio voto e la propria preferenza.

Leggi tutto: Voto palese per una democrazia davvero diretta

La Titanica vittoria del Pd (e di Bersani)

Grillo ha vinto, ma il Pd è passato in vantaggio. Perché in politica la matematica non è un'opinione ma le opinioni sono matematiche. Bersani dimesso, in ogni senso.

(questi sono titoli alternativi che riuso come catenaccio o quando pubblico su facebook e twitter)

Volendo uno dice: bom, basta, con questa mossa Grillo ha vinto.

Ed è difficile da negarlo, poche balle.

Però.

Però c'è una cosa su cui Bersani ha avuto ragione e ha vinto, INNEGABILMENTE. Una mossa strategica, addirittura.

Leggi tutto: La Titanica vittoria del Pd (e di Bersani)

La tristezza corre sulla pellicola: le scene più tristi del cinema

Questa sera, dopo aver visto Hachikō, ho deciso di rivedere la mia personale classifica delle sequenze più tristi della storia del cinema.

Ne avrò sicuramente dimenticati moltissime, ma la prima posizione resterà per sempre tale.

Per ogni film, vi allego anche il link dove potete apprezzare il livello di tristezza.

Leggi tutto: La tristezza corre sulla pellicola: le scene più tristi del cinema

Io non prego per Boston

Ma perché dovremmo pregare per Boston? Pensare, riflettere, anche piangere, ma perché pregare? 

Mi sembrano inutili le invocazioni a dio (o a Dio), al di là della fede di ciascuno: che si tratti di un attacco fatto in nome della religione o meno, è una tragedia che nasce (e soprattutto muore) con gli esseri umani.

Leggi tutto: Io non prego per Boston

L'insostenibile pesantezza dell'essere juventino

Sottotitolo: soprattutto se hai tanti amici dell'Inter.

Calcisticamente parlando, l'etichetta che mi è stata appioppata più volte nel corso della mia vita è quella di "juventino atipico", e me ne compiaccio.

Leggi tutto: L'insostenibile pesantezza dell'essere juventino

Il cancro del dibattito politico italiano: il benaltrismo

Se c'è una cosa che mi fa incazzare come una bestia quando seguo o partecipo a una discussione sulla politica italiana, è la perenne, continua e irrefrenabile tendenza a rispondere a delle critiche con delle critiche. Anche se fin da bambini impariamo che "non si risponde a una domanda con un'altra domanda", questo modo di fare è totalmente insito nel modo di ragionare di casa nostra.

Leggi tutto: Il cancro del dibattito politico italiano: il benaltrismo

Un commento del Ka...iser

Si dice spesso che nello sport "bisogna saper perdere", eppure è altrettanto importante saper vincere, nel senso di non scadere in atteggiamenti antisportivi verso l’avversario (specie se battuto).

Ebbene, il commento di Franz Beckenbauer dopo la partita tra Bayern Monaco e Juventus, mi fa proprio pensare che il presidente onorario dei bavaresi, nonché ex fuoriclasse della Germania Ovest e del Bayern, sia uno di quelli che non sanno vincere.

Leggi tutto: Un commento del Ka...iser

La guerra è vicina? 10 motivi per pensare di sì

Io lo penso da un po', ma ormai mi sembra si possa dire tranquillamente (per modo di dire): la guerra è vicina.

Insomma, alla fine è da quasi settant'anni che il pianeta non si cimenta con una di quelle belle guerre mondiali, con bombe, massacri e in generale un sacco di morti. Gli ultimi ricchi europei che hanno vissuto un conflitto bellico in casa propria si stanno estinguendo, ed evidentemente le immagini e i ricordi dell'ex Jugoslavia si perdono nella memoria di pochi.

Leggi tutto: La guerra è vicina? 10 motivi per pensare di sì

Con i saggi non facciamo i ragazzini

Un minuto dopo la comunicazione ufficiale dei dieci saggi, tutti avevano già capito tutto. Neanche il tempo di scorrere la fotogallery dei prescelti da Napolitano sui giornali, e già twitter e facebook pullulavano di giudizi e sentenze inappellabili. Quasi totalmente contro.

Ora, forse è un mio limite, forse sono ingenuo o duro di comprendonio, ma io non me la sento di stroncare la decisione del Capo dello Stato con tanta sicurezza, almeno per ora.

Leggi tutto: Con i saggi non facciamo i ragazzini