Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

Articoli taggati 'pensieri'

La freccia

Ci sono attimi, immagini, di per sé così fugaci, che se non presti particolare attenzione rischiano di sfuggirti inosservati… momenti perduti, svaniti nel nulla. Ma dove vanno tutti questi istanti persi per sempre? A me piace pensare che rimangano in un posto: a metà strada tra il cuore e il cervello… Aggrappati alla gola, pronti per essere evocati nei momenti più inaspettati.

Leggi tutto: La freccia

Le 10 cose peggiori di tornare a lavorare dopo le vacanze

Ce ne sono tanti, tantissimi, di aspetti negativi legati al ritorno a lavoro dopo le vacanze. Io, nella mia depressione, ho provato a elencarne i dieci peggiori.

 

NOTA: post fortemente sconsigliato a chi è tornato da meno di una settimana.

Leggi tutto: Le 10 cose peggiori di tornare a lavorare dopo le vacanze

Il mio record al gioco del silenzio

Non ero mai stato zitto così a lungo: 41 ore, minuto più minuto meno. Zitto, davvero: neanche una parola. Neanche un prete per chiacchierar, direbbe Celentano, ma io con i preti non ci ho mai chiacchierato molto. A segnare i “confini” temporali del mio silenzio, comunque, due momenti molto italiani: una telefonata ai miei genitori e una coda all'ufficio postale, un “ciao mamma” e un “buongiorno dovrei ritirare una raccomandata”.

Leggi tutto: Il mio record al gioco del silenzio

Le nuvole, il meteo, la pazienza

Dove corrono le nuvole?

 

Si aprono, cercano il mare, scavalcano le montagne e poi scompaiono. Le guardo scorrere mentre la strada mi scivola via dalle suole delle scarpe. Ci sono radici talmente forti che, ovunque tu sia, sanno richiamarti a loro nel momento in cui decidono che devi tornare. E non gliene frega nulla, qualunque cosa tu stia facendo.

Leggi tutto: Le nuvole, il meteo, la pazienza

Vivi la tua città come se non avessi niente da fare

tempo liberoImmagina la tua città con gli occhi di uno che ci sta in vacanza pur essendoci nato.

 

Quando dici che il posto in cui vivi è una merda (senza che la Cassazione ti senta, mi raccomando), prova a pensare a come la vedresti se non avessi impegni, obblighi, ansie.

 

Immagina un lunedì in cui non devi andare a lavorare, né cercarlo se non ce l'hai. D'estate è perfetto: ricordi com'era quando andavi a scuola e tre mesi di vacanze sembravano quasi troppi, compiti a parte?

Leggi tutto: Vivi la tua città come se non avessi niente da fare