Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

Articoli taggati 'storie'

Dormire insieme

sleep of the belovedGuardo il tuo volto mentre dormi. Mi domando come abbiamo potuto impiegare così tanto tempo per dormire insieme. Ancora mi è oscuro il motivo.

La pelle del tuo viso è completamente distesa e le tue palpebre dolcemente chiuse, per nulla serrate.

Credo tu stia sognando qualcosa di bello. Sorridi. Vorrei che tu stessi sognando me.

Leggi tutto: Dormire insieme

Walkaboutitalia e gli italiani nudi

walkaboutitalia libriDopo aver finito di leggere il libro di Darinka, ho provato un certo imbarazzo. Non tanto per la mia scarsa capacità di scrivere recensioni, quanto per non aver consegnato almeno uno dei miei sogni all’orecchio-scatola con cui Darinka ha attraversato l’Italia.

Leggi tutto: Walkaboutitalia e gli italiani nudi

Quello che davvero ci ha insegnato Michele Ferrero

nanni moretti nutellaForse non si è capito, perché continuiamo (o almeno io) a commuoverci sorridendo, ma la storia di Michele Ferrero insegna qualcosa di molto, molto importante a tutti noi. E quando dico noi intendo soprattutto noi italiani mediamente più presi dalle passioni che dai lucidi ragionamenti. E ci metto tanta gente che vota (a prescindere da quello che vota) in base a convinzioni ideologiche e sociali che hanno come principale obiettivo il benessere collettivo. Operai, imprenditori, intellettuali, studenti, giovani, vecchi, politici e alla fine più o meno tutti.

Leggi tutto: Quello che davvero ci ha insegnato Michele Ferrero

La xenofobia è non aver mai visto una scarpa

mollarella licataFino a un anno fa, per me gli sbarchi di immigrati “sulle coste siciliane” erano solo una notizia al telegiornale. Una drammatica notizia, ovviamente, ma qualcosa di distante e difficile da comprendere nella sua completezza stando mille e oltre chilometri più a nord. Poi, la scorsa estate, molto è cambiato grazie a una scarpa.

Leggi tutto: La xenofobia è non aver mai visto una scarpa

Non avete capito un tubo (compressore)

Dopo i fatti accaduti a Napoli sento il bisogno di dire la mia.

"No, che palle, ma non dici già la tua su ogni singola cosa accada nell’universo??" direte voi. Lo capisco, ma vi prego, statemi a sentire, solo per questa volta. Per questa volta metterò da parte i toni maleducati da troll che mi contraddistinguono e parlerò seriamente e in modo pacato, perché la situazione è seria. No, non è "solo" perché hanno violentato un ragazzino di quattordici anni con la pistola di un compressore infilata nell'ano, riducendogli l'intestino una poltiglia. Lo è sempre stata. Probabilmente sarò prolisso, ma vi prego di leggere tutto.

Leggi tutto: Non avete capito un tubo (compressore)

Dove non piove quasi mai

Stamattina è piovuto a Licata. Mentre andavo in radio due gocce sono atterrate sul parabrezza della mia vecchia Punto; ho cercato di fotografarle, ma è difficile mettere a fuoco un millilitro d’acqua mentre si è al volante, soprattutto in una città senza semafori.

Leggi tutto: Dove non piove quasi mai

Come quel giorno di 14 anni fa

Quando misi piede per la prima volta a Torino, ad accogliermi fu una vecchina che decise di rendere quel giorno uno dei più brutti della mia vita. Doveva affittarmi casa, mi guardò negli occhi dopo aver firmato tutto ciò che c'era da firmare e mi disse: "Mi dispiace, vada pure, si riprenda la caparra, noi ai terroni non affittiamo la nostra casa". Non dissi nulla, ripresi il mio e uscii senza dire neppure una parola.

Leggi tutto: Come quel giorno di 14 anni fa

Finìa l'estate

Finìa l'estate

Lo sento dire praticamente da metà luglio, e anch'io l'ho detto per scherzo ogni volta che la temperatura scendeva sotto i 30 gradi, ma adesso è quasi vero. L'estate è finita, ma non perché ieri a Licata c'era un vento freddo che sembrava aprile: oggi è tornato a splendere il sole, e a quanto ho capito c'è ancora parecchio tempo prima di mettere a riposo i costumi da bagno.

Leggi tutto: Finìa l'estate

Il primo semaforo dopo due mesi

Qualcuno diceva che – dopo l’Etna e la siccità – la terza grande piaga che diffama Palermo e tutta la Sicilia è il traffico, ma io non ci ho mai creduto. E, a parte u cugliunìu, avevo ragione, almeno per quanto riguarda Licata. Se non ci sono parate di carnevale (brasiliano) fuori stagione, o se non ci sono le bancarelle per Sant’Angelo, il traffico vero qui a Licata fortunatamente non esiste.  

Leggi tutto: Il primo semaforo dopo due mesi

Se riavessi i miei vent'anni

Quando la nostra età arriva a una cifra tonda, sentiamo stranamente il bisogno di fare un bilancio della nostra vita. È successo a tutti, almeno una volta. Sarà forse colpa del sistema metrico decimale che ci insegnano fin da piccoli sui banchi di scuola, ma siamo naturalmente portati a scandire la nostra vita in decine. Quasi come se nei nove anni precedenti vivessimo senza pensare, e ci trovassimo poi improvvisamente davanti al fatto compiuto, a fare i conti con le nostre azioni. Tutto questo proprio allo scattare dello zero.

Leggi tutto: Se riavessi i miei vent'anni