Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

Articoli taggati 'storie'

La Miriam di nessuno

Miriam è il personaggio femminile di un libro di cui ho già scritto (È sempre colpa della prospettiva). Un libro che richiede molta determinazione per superare le prime 100 pagine.

 

Miriam incontra l'uomo che un giorno sposerà, alla festa delle seconde nozze di lui. Lui inizierà ad amarla nel momento stesso in cui percepirà la presenza di lei.

Leggi tutto: La Miriam di nessuno

Un saluto e un cordiale fanculo

fuck christmas

Penso che il Natale sia una festa fondata sulla menzogna. Da bambini cresciamo con l'illusione di Babbo Natale, fin quando non apriamo gli occhi. Anche se è la stessa illusione che manteniamo da adulti quando crediamo che a Natale siamo tutti più buoni. Ma la disillusione, un po' come per l'esistenza di Babbo Natale, arriva con le prime "luci d'artista", ormai sempre più anticipate, quasi a voler mascherare la crudezza del momento.

Leggi tutto: Un saluto e un cordiale fanculo

Tutta colpa del posto fisso

Oggi è stato indubbiamente uno dei giorni più felici della mia breve carriera lavorativa. Dopo anni di sofferenza, disperazione, pessimismo e tragedie umane, per una volta ho visto un gruppo di ragazzi lottare per una causa positiva, con speranza, entusiasmo e ottimismo. E ho visto questi ragazzi farcela, ricevere una notizia positiva.

Ho visto una grande azienda, leader nel suo settore a livello internazionale, assumere ventiquattro risorse contemporaneamente, e so che altrettante ne assumerà nei prossimi giorni. Questo dopo aver dovuto affrontare per oltre quattro anni aziende che chiudono, che riducono il personale, che tagliano con l'accetta senza pietà, ex imprenditori che scivolano nel baratro dei disoccupati senza speranza di rivincita.

Leggi tutto: Tutta colpa del posto fisso

'giorno mondo - Una vita lunga appena 18 km


Avrei voluto prendere appunti ma non ne avevo i mezzi. Una volta tanto eravamo solo io e un parco. Così ho iniziato a scrivere nella mia testa, come la gran parte delle volte. Ho iniziato a scrivere correndo. 

Si chiama Valentino, costeggia il Po e al pari della Mole è divenuto negli anni simbolo della città che 13 anni fa mi ha adottato. È un posto speciale, trasuda storia, unisce quello che è di qua e quello che si trova al di là. Mi illude di vedere un mare che non vedo più come un tempo ma che dentro è in perenne agitazione.

Leggi tutto: 'giorno mondo - Una vita lunga appena 18 km

Il tuo odore si confonde con il mio

Io chiudo gli occhi e tutto il mondo muore;

Schiudo le palpebre e tutto rinasce.

(Sono convinta di averti inventato.)

 

Non riesco a togliermi dalla testa questi versi. Non li conoscevo fino a qualche settimana fa. In realtà, non conoscevo neppure te.

Credo di averti inventato un pomeriggio d’inverno. Era uno dei primi giorni di freddo, nonostante il cielo limpido e il sole, ho indossato i miei stivali e il giaccone e sono uscita.

Leggi tutto: Il tuo odore si confonde con il mio

Chi invidio io

Siccome invidiava il mio elenco, anche la mia amica Silvia ha voluto scriverne uno suo.

Perché l'invidia è un circolo vizioso, si sa...

 

Invidio i fotografi, perché sanno mettere a fuoco le cose,

invidio i giornalisti che riescono a parlare di qualsiasi cosa senza apparire coinvolti,

invidio chi si è trasferito in Germania quando ancora non andava di moda trasferirsi in Germania,

invidio la Germania,

invidio chi è stato a Londra per un po',

Leggi tutto: Chi invidio io

Dietro l'obiettivo - I commercianti sanno trattare

I commercianti ambulanti sono molto bravi a trattare. Non solo sui prezzi, anche sui tetti...

 

Qualche giorno fa ho seguito a Torino la protesta dei mercatali, o commercianti ambulanti che dir si voglia. Hanno bloccato la stazione di Porta Susa per 4 ore e, se non fosse stato per l'intervento del portavoce dell'associazione pendolari, probabilmente sarebbero ancora lì adesso.

La mattina, quando mi hanno detto che dovevo seguire la manifestazione degli ambulanti, sapevo che sarebbe stata una lunga giornata; questo perché ho già avuto a che fare con loro e so che sono una categoria particolarmente battagliera

Leggi tutto: Dietro l'obiettivo - I commercianti sanno trattare

La gatta felice con la bronchite

Una mia amica fa la veterinaria. Ogni tanto mi racconta delle storie che definire assurde è dire poco: alcune mi fanno ridere come una iena, altre mi fanno arrabbiare come un cane idrofobo, altre ancora quando le sento non so che dire e rimango con la faccia da pesce lesso (a proposito di animali...).

Siccome mi pareva egoista tenermi con me queste chicche, da oggi ne condividerò un po su queste pagine. La dottoressa, ovviamente, rimane anonima.

Pizzi

Leggi tutto: La gatta felice con la bronchite

Nuvole senza Messico

“Uno dei migliori panorami di cui si possa godere in volo è dato dalla composizione delle nuvole e dai loro ghirigori”

 

Scrivo sorseggiando un pessimo caffè americano offertomi da “Meridiana”. Dal finestrino si può godere di una vista magnifica: alba di un cielo sereno. E nuvole. Vorrei poter dire “Messico e nuvole”, ma sono solo “Nuvole senza Messico”.

Il cielo sembra quello che ha ispirato i più grandi impressionisti, un azzurro tenue, rosa e poche striature di arancio. Il resto sono nuvole. Soffici nuvole a dividerci da tutto il resto.

Leggi tutto: Nuvole senza Messico

'giorno mondo - La memoria dei padri

Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno”: partirei da questo insegnamento per arrivare al nocciolo della questione, nonostante io non sia una credente praticante e con la fede abbia un rapporto quanto mai discutibile. Al perdono non c’è limite, soprattutto se si parla del perdono di un padre verso i propri figli.

Leggi tutto: 'giorno mondo - La memoria dei padri