Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

Drive

 
E continuavo a guidare cercando di lasciarmi indietro tutto quello che potevo.
Guardavo l’asfalto farsi mare e le luci diventare lampi incandescenti. Correvo più veloce della mia angoscia che continuava a salire fino ad arrivare alla gola, senza darmi la possibilità di capire dove stessi andando.

Mi rifiutavo di pensare che tutto potesse esaurirsi in un viaggio senza meta, illuminato da mille bagliori artificiali. A ogni svolta una rinuncia, e mille rimpianti si impossessavano di me. E anche se la benzina stava finendo, perseveravo nella corsa.
Perché, dopotutto, la velocità era l’unica cosa che potevo inseguire.

Frank Sleale  
( link facebook dell'immagine )


"Pizzi chi?" è anche su  Facebook  e  Twitter : seguici!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna