Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

In difesa di Maurizio Gasparri

 

 

Quattro anni fa, alla Festa dell’Unità (o democratica, ma io preferisco il vecchio nome che mi riporta all’infanzia) di Torino assistetti alla presentazione del primo libro di Spinoza.it. Non ricordo chi ci fosse di quei matti, ma ricordo che a fine presentazione mi avvicinai a uno dei due spinoziani e gli chiesi perché non avessero pubblicato una mia battuta su Gasparri.

“Su di lui non accettiamo più battute” mi fu risposto “troppo facile prendersela con Gasparri”. Anche se una delle battute più belle di sempre era e secondo me resta quella sulla reazione dell’ex AN al cosiddetto attentato a Berlusconi in piazza Duomo (qualcosa tipo “Per rappresaglia Gasparri lancia una statuetta di Berlusconi contro il Duomo”), non obiettai alla risposta del rappresentante del "blog serissimo”.

 

In effetti sì, è troppo facile prendersela col povero Maurizio Gasparri. Uno che disse di non comprendere le leggi che firmava, uno che di stupidaggini ne ha dette e fatte a iosa. Ultima in ordine di tempo, a meno che oggi non ne abbia combinata un’altra, la querelle con Fedez e la sua fan su Twitter. Ma siccome sono un Bastian contrario, voglio provare a difenderlo.

 

Siccome chi si somiglia si piglia, tra i miei amici di facebook abbondano gli intellettuali più o meno di sinistra. Ho anche amici non intellettuali e non di sinistra, pochi ma ce li ho, però alla quarta volta che ho visto un rappresentante della categoria maggioritaria tra i miei social amici postare e apprezzare la risposta di Fedez in difesa della sua fan mi sono posto una domanda tipica dell’intellettuale di sinistra: ma che minchia è successo?

 

Sono andato a controllare la pagina facebook del rapper, e ho cercato di darmi una risposta andando oltre il post super mega condiviso. Ho letto anche quello, ovviamente, e anch’io ho apprezzato la lavata di capo di Fedez a Gasparri con tanto di riferimento al quattordicenne a cui hanno infilato un compressore dove sappiamo tutti, ma ho provato a capire da cosa era nato il litigio tra il cantante e il vicepresidente del Senato. E ho scoperto che la ragazza sbeffeggiata dal secondo è entrata nella discussione solo in un secondo momento.

 

All’inizio della storia, infatti, ci sono state le uscite imbarazzanti di Gasparri contro Fedez, definito “coso dipinto”, addirittura in un caso con l’apposito hashtag. Gasparri evidentemente non apprezza i tatuaggi e lo stile del rapper, e lo dice nel modo che gli è proprio: da ignorante fascistoide. Giusto quindi reagire di fronte a uno che spara cazzate giudicando dalle apparenze, come ha scritto Fedez.

 

Ma è qui che arriva la mia difesa nei confronti di Maurizio Gasparri. Perché tra l’intervento di @mariapiatag (il “coso colorato” è una persona pulita e umile, a differenza tua che sei sporco e te lo credi perché sei un deputato) e la risposta di @gasparripdl (meno droga, più dieta, messa male) che ha giustamente fatto indignare Fedez e un po’ tutti, c’è un particolare che forse aiuta a comprendere non dico le ragioni e neanche i ragionamenti, ma quanto meno gli umori che agitano Gasparri.

Nel difendersi da chi “giudica le apparenze” (sic), Fedez ha infatti pubblicato un collage di quattro foto: tre con i tweet incriminati di Gasparri, una con il faccione dello stesso Gasparri in cui il suo noto strabismo è particolarmente accentuato.

Un dettaglio che evidentemente non ho notato solo io, a giudicare da alcuni commenti che si possono leggere sul post

https://www.facebook.com/fedezofficial/photos/a.10151682214786128.1073741826.354592216127/10152362429961128/?type=1&theater

 

“Coso con gli occhi in trasferta”, “Co tutti i soldi che hai almeno raddrizzatici l' occhio”, “fai la convergenza, tu sai dove”, “Gasparri uomo di merda !!! Sacco di rumena con dentro i topi” (no, scusate, questo non c’entra), “Gasparri ma ti 6 visto allo specchio prima di parlare”, “Figa ma che occhi ha Gasparri ??ahah”: ne ho scelti alcuni limitati alle ultime due ore, ovvero il giorno dopo che Fedez ha ricordato a Gasparri che non si prendono in giro le persone per i loro difetti fisici.

 

Sto dicendo che questi fan di Fedez (ci sono anche moltissimi commenti “buoni”, sia chiaro) ficcherebbero un tubo compressore nell’occhio di Gasparri, giusto per seguire il paragone fatto dal cantante? Ovviamente e assolutamente no. Però.

 

Però se ci pensate un attimo vi verranno in mente almeno una decina di volte in cui voi, o i vostri amici, così come i comici/satiri/giornalisti che vi piacciono hanno preso in giro Gasparri per il fatto di essere strabico. Questo pover’uomo, che pure di minchiate ne fa e ne dice a profusione, è da tutta la vita che ha a che fare con chi lo prende in giro per questo suo difetto fisico. Potete immaginare quante battute si sarà sentito rivolgere da che è piccolo? Secondo me nell’ordine dei milioni.

 

Sto dicendo che allora ha fatto bene a reagire come ha reagito con la ragazzina, o che non è colpa sua se spara minchiate ma di chi lo prende in giro? Di nuovo, ovviamente e assolutamente no.

Piuttosto sto dicendo più o meno quello che mi dissero i rappresentanti di Spinoza.it: è troppo facile prendersela con Gasparri. Troppo facile infierire su un problema che lui sa benissimo di avere e poi indignarsi se reagisce con cazzate di pari livello.

Troppo facile ricorrere alle superatissime teorie di Lombroso per giustificare fisicamente i suoi difetti politici e umani. Troppo facile pungere sul vivo uno che da mezzo secolo viene preso per i fondelli perché ha gli occhi storti.

 

Troppo facile, soprattutto, dare dello strabico a qualcuno e poi indignarsi quando questo qualcuno dà del ciccione a qualcun altro.

Se c’è una cosa che ci ha insegnato la storia del tubo compressore, è che quello che per me può essere uno scherzo o una battuta isolata può avere effetti tanto duraturi quanto devastanti per chi subisce quello scherzo o quella battuta. E far finta di stupirsi quando l’oggetto del nostro scherno reagisce male non dimostra particolare intelligenza, anzi al massimo dimostra la chiusura mentale di chi pensa per etichette tipo "i gay sono creativi" e "i grassi sono simpatici".

 

Ci sono persone obese simpatiche e antipatiche, così come ci sono strabici furbi e strabici stupidi. Potete essere magri quanto volete, e anche avere gli occhi più belli del mondo, ma sicuramente non siete né simpatici né furbi se insultate uno strabico per difendere una persona obesa. O dobbiamo aspettare che qualcuno per scherzo cavi un occhio a Gasparri?

 

Pizzi

 

(La foto che ho scelto è per rispondere alla fan di Fedez che ieri, alla mia obiezione sul post del rapper, ha detto che non è colpa di nessuno se non esistono foto di Gasparri con gli occhi dritti. Questa è un po' sgranata, ma ce ne sono a migliaia, a questo link: http://goo.gl/PWvpQo. Si chiama "Google immagini")

 

LEGGI ANCHE: Non avete capito un tubo (compressore)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna