Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

La bufala delle cipolle "magiche" che attirano i germi

 


(In fondo alla pagina il riassunto per chi ha fretta) 

Di cipolle magiche non ne avevo ancora mai sentito parlare. Ma si sa, il mondo è bello perché è avariato ...
" Nel 1919, quando l'influenza ha ucciso 40 milioni di persone c'era questo medico che ha visitato i molti agricoltori per vedere se poteva aiutarli a combattere l'influenza ...Molti degli agricoltori e delle loro famiglie avevano contratto la malattia e molti morirono.
Il medico venne presso un contadino e con sua grande sorpresa, constatò che tutti in famiglia erano molto sani. Quando il medico chiese cosa stesse facendo l'agricoltore perché in famiglia erano tutti sani , la moglie rispose che aveva messo una cipolla non sbucciata in un piatto nelle stanze della casa, ( probabilmente solo due camere allora ). Il dottore non riusciva a crederci e gli chiese se poteva avere una delle cipolle per esaminarla al microscopio . Il contadino diede al dottore una di quelle cipolle e, guardando al microscopio il medico trovò il virus dell’influenza nella cipolla, la quale aveva assorbito i virus mantenendo la famiglia sana.
Ora , ho sentito quest’altra storia dal mio parrucchiere.
Diversi anni fa, molti dei suoi dipendenti erano giù per avere preso l'influenza , e così molti dei suoi clienti. L'anno successivo ha disposto diverse ciotole con cipolle in giro nel suo negozio. Con sua sorpresa, nessuno del suo staff si è ammalato. Si deve lavorare . Provate e vedrete cosa succede. Lo abbiamo fatto l'anno scorso e non abbiamo mai avuto l'influenza.
Ora ho mandato uno scritto ad un amico in Oregon , che collabora regolarmente con me mandandomi materiale sanitario. Lui mi ha risposto con questa esperienza più interessante sulle cipolle:
Grazie per avermelo ricordato. Io non so la storia del contadino ... ma, so che h o contratto la polmonite, e, manco a dirlo, sono stato molto male ... Mi sono imbattuto in un articolo che diceva di tagliare entrambe le estremità di una cipolla, metterla in un barattolo vuoto e posizionare il vaso accanto al paziente malato di notte. Ha detto che la cipolla sarebbe diventata la mattina dopo nera di germi ... di sicuro è successo proprio così ... la cipolla era un disastro e io ho cominciato a stare meglio.
Un'altra cosa che ho letto in questo articolo è che le cipolle e l'aglio disposti intorno alla stanza hanno salvato molti dalla peste nera, alcuni anni fa .
Hanno potenti antibatterici, proprietà antisettiche.  ( tratta da una delle tante fonti di Facebook )
Ok, non dovete leggere tutto, bastano le parti sottolineate a farsi un'idea.  Però ancora:

" Adesso parliamo del perché, a volte, le cipolle fanno male.
Un sacco di volte, quando abbiamo problemi di stomaco non sappiamo a cosa dare la colpa. Forse la colpa è della cipolla. Infatti le cipolle assorbendo i batteri sono così brave da impedirci di prendere raffreddori e influenze , ed è proprio questa la ragione per cui non si deve mangiare una cipolla dopo troppo tempo da che è stata tagliata, perché ha assorbito i batteri dannosi.
Ho avuto il privilegio di un meraviglioso tour tra i prodotti alimentari Mullins, Makers di maionese . Ho posto delle domande sulle intossicazioni alimentari, e voglio condividere quello che ho imparato da un chimico.

La nostra guida è un mago della chimica degli alimenti. Durante il tour, qualcuno gli ha chiesto se abbiamo davvero bisogno di preoccuparsi della maionese . Le persone sono sempre preoccupate che la maionese potesse guastarsi. La risposta vi sorprenderà. Egli ha detto che tutte le maionesi in commercio sono completamente sicure .
"Le maionesi non hanno nemmeno bisogno di essere refrigerate anche se non c’è nulla di male a metterle in frigorifero." Ha spiegato che il pH nella maionese si trova ad un punto che i batteri non possono sopravvivere in questo ambiente. Ha poi parlato del pic-nic estivo, con la ciotola di insalata di patate sul tavolo, e di come tutti accusano la maionese quando qualcuno si ammala.
Egli afferma che, quando succede un'intossicazione alimentare, la prima cosa che i medici dobrebbero cercare è se le vittime abbiano mangiato cipolle , quando le hanno mangiato e se tali cipolle provengono da un’insalata con patate. Egli dice che non è la maionese ad aver procurato l’intossicazione, ma probabilmente le cipolle, e se non le cipolle affettate da troppo tempo , magari le patate.
Ha spiegato che le cipolle sono un enorme magnete per i batteri , in particolare le cipolle cotte. Non si dovrebbe mai conservare una parte di una cipolla affettata , perché non è sicura nemmeno se la metti in un sacchetto a chiusura lampo e dentro al frigorifero.
La cipolla e 'già abbastanza contaminata solo per essere stata fuori per un po’ dopo essere stata tagliata, e può essere un pericolo per te ( e doppiamente attenzione per chi le cipolle le mette in hotdog al parco di baseball! ). La nostra guida dice ancora che se si prende la cipolla rimanente e la si cuoce molto, probabilmente è tutto bene , ma se metti nel panino una cipolla tagliata da tempo, sei in cerca di guai. Quando vai in panineria, non fare mettere cipolle nel panino. Sia le cipolle che le patate umide in una insalata di patate attireranno e faranno crescere i batteri più velocemente di qualsiasi maionese commerciale.

Inoltre, i cani non devono mai mangiare cipolle. I loro stomaco non riesce a metabolizzare le cipolle.

Si prega di ricordare che è pericoloso tagliare una cipolla e cercare di utilizzarla per cucinare il giorno dopo, diventa altamente tossica anche per una sola notte e crea batteri tossici che possono causare infezioni dello stomaco negativi a causa delle secrezioni biliari in eccesso e anche intossicazioni alimentari.

Invia questo messaggio a tutti quelli che ami e si preoccupano.
( ibidem )"
Ecco: in pratica questa dobbia storia ha come protagonista la cipolla , ritenuta in grado di assorbire germi, batteri e addirittura polmoniti se appoggiata nelle stanze di casa, ma anche di trasmettere le schifezze assorbite se ingerita o consumata non più fresca né integra. Questi i fatti raccontati dalla storiella, segnalatami da un amico, Daniele Bassi, che conosce la mia passione per le bufale e che mi ha stuzzicato con il commento " secondo te è vera? ".

Subito dopo averla letta, però, due erano le sensazioni: che si trattasse di una bufala, di una leggenda metropolitana anche vecchia, ma soprattutto che si trattasse di una traduzione a cazzo di cane dall'inglese. Il riferimento all'amico dell'Oregon (non negli Stati Uniti, proprio nell'Oregon), la mai sentita maionese dei "makers" Mullins, e poi tutte quelle strane costruzioni sintattiche forzate in italiano... troppi indizi hanno solleticato il mio sesto senso da correttore di bozze compulsivo.

E allora ho fatto l'unica cosa che c'era da fare: ritradurre in inglese le due storielle con google translate ( prima parte - seconda parte ) e vedere cosa usciva cercando il risultato. Incredibilmente, ma in realtà neanche tanto, in entrambi i casi ho trovato tra i primi risultati il celebre " snopes.com ", autorità internazionale in materia di smascheramento bufale (in inglese snopes , quando non ci si riferisce al bovino all'origine della celebre mozzarella ma appunto alle false notizie che girano su internet in maniera virale).

Preciso preciso, la stessa storia (qui il link di " Onions place about the home fight the flu virus "), classificata come FALSE con tanto di bollino rosso. Già che ci sono, torno a google translate e mi faccio tradurre la spiegazione di snopes.com (però stavolta sono intervenuto io per chiarire alcuni passaggi): l'articolo risale al 2009, in piena psicosi da influenza suini H1N1, e dice:

Oltre ai buoni consigli di lavarsi le mani spesso e di evitare la compagnia di coloro che non stanno bene, la gente cerca di evitare l'influenza ricorrendo a una varietà di rimedi popolari, ognuno dei quali si presenta come sicuro (...) .
Non c'è niente di magico nelle cipolle sbucciate e tagliate - non agiscono come spugne che assorbono qualsiasi virus o altri microbi nelle loro immediate vicinanze . Tuttavia, la convinzione circa questa loro proprietà terapeutica precede l'epidemia di influenza del 2009 di almeno 100 anni. Un'antic a superstizione afferma che tenere cipolle crude in casa (tagliate o intere a seconda dei metodi), attira dall'aria i germi che provocno malattie, rendendo così la casa libera dalle contaminazioni. I seguenti estratti dai giornali, raccolti dalle "folkloriste" Iona Opie e Moira Tatum, mostrano la persistenza di tale credenza popolare:
[1956] La cipolla viene tagliata e posta in un vecchio piatto di stagno. Poi lo si immette nella stanza dove dorme il bambino malato. La cipolla assorbe il male su di sé, e quando il bambino sta meglio occorre controllare che la cipolla sia correttamente bruciata.
 
[1964] Quando c'è l'influenza in giro, mi metto un piatto di cipolle tagliate in ogni stanza. Questo è ciò che tiene lontano il raffreddore ... Tutti i germi dell'influenza vanno nelle cipolle.
(...)
Sono disponibili pubblicazioni ancora più antiche, tuttavia. Una delle prime (dal 1900) chiama la pratica "una vecchia usanza", e ciò implica anche che le origini della credenza sono state perse nella notte dei tempi.
[Chambers 'Journal, 1900] In remoti villaggi di campagna si vede a volte una vecchia usanza che, essenzialmente, è sintomo di prudenza, anche se chi la pratica non conosce l'origine o il perché: come i loro antenati hanno fatto, così fanno loro. Si tratta di mettere piatti pieni di cipolle tagliate a lato di qualsiasi letto o in una bara contenente il corpo di una persona morta di infezioni.
(...)
In pratica, una leggenda metropolitana ultracentenaria. Ma anche nella seconda parte della storia, quella in cui compare il nuovo ingrediente ovvero la maionese, c'è un che di ancestrale. Ok, credo sia evidente che il riferimento alla marca Mullins sia recente, e infatti snopes spiega che circola dal 2008 . Ma è di nuovo la cipolla a destare sospetti (poco da dire, infatti, sulla maionese industriale): in pratica, pur avendo appena letto che tenere delle cipolle tagliate in giro per casa ci previene da qualunque cosa, adesso il punto è che appena hai tagliato una cipolla devi mangiarla nel giro di pochissimo, per evitare di mangiarti anche i germi che ha attirato nel frattempo.


Le affermazioni fatte nell'articolo sulle cipolle (e, in misura minore, sulle patate) sono più difficili da comprovare. La trasmissione di germi si verifica più rapidamente quando le superfici sulle quali i microbi sono in agguato o gli oggetti che ne vengono contaminati sono bagnati invece che se sono asciutti, ma c'è un grande salto logico tra dire che le superfici di cipolle e patate tagliate sono bagnate e concludere che queste verdure sono " un enorme magnete per i batteri" .
Inoltre, i bulbi tagliati delle cipolle sono molto acidi; l'atto di affettarli induce gli enzimi in essi contenuti a generare acidi solfenici, sotto forma di gas che ha fatto lacrimare molti affettatori di cipolle. Dato che è l'acidità della maionese che ritarda la crescita dei batteri, è difficile concludere che le cipolle tagliate sarebbero un luogo ospitale per i germi o i batteri , o addirittura un magnete che li attira dall'aria.
(...)
 
La credenza popolare afferma anche che porta sfortuna tenere le cipolle tagliate in giro, come queste altre pubblicazioni raccolte da Opie e Tatum dimostrano:
[1855] Avere una cipolla tagliata lasciata in giro per la case provoca il cimurro.
 
[1891]
Una vecchia servtrice (Essex) ... recentemente si è lamentata che ... le c ipolle spagnole ... erano troppo grandi. Quando è stato proposto un metodo evidente di superare questa difficoltà, lei ha risposto, 'Oh, no! Non bisogna farlo mai ! Porta tanta sfortuna avere una cipolla tagliata in casa'.
 
(...)

I bulbi tagliati delle cipolle sono quindi un pericolo per la salute da cui guardarsi? Nessuna prova scientifica va in questa direzione. Le notizie circa i legami tra le cipolle e dei focolai di intossicazione alimentare citano quasi esclusivamente le cipolle verdi (note anche come scalogno) come colpevoli. Anche se entrambe le specie potrebbero essere esposte a esterichia coli e altre minacce durante la loro permanenza nel terreno o durante la fase di commercio, le cipolle verdi sono generalmente mangiate così come sono, mentre la buccia marrone che copre le cipolle con bulbo e che viene scartata e non ingerita agisce come scudo contro la contaminazione.
L'unico esempio scoperto con le cipolle a bulbo additate come il trasmettitore di avvelenamento da cibo risale al 1984 e fece ammalare 28 persone a Peoria, Illinois.
RIASSUNTO PER CHI HA FRETTA

Gira una bufala , una leggenda metropolitana , su facebook e in generale su internet secondo la quale le cipolle avrebbero alcuni poteri . In pratica, se le affetti a metà (o anche intere, secondo alcuni) e le metti su dei piatti che lasci in giro per casa le cipolle attirano tutti i microbi , germi, batteri, influenze e anche polmoniti che girano nell'aria.

Inoltre, o meglio invece, un'altra storia relativa alle cipolle (e che circola insieme alla prima, nonostante alcune contraddizioni) dice che una volta affettate le devi mangiare subito (lo stesso per le patate) o comunque cuocerle molto a lungo, perché, siccome le cipolle (e le patate) da affettate sono umide, attirano immediatamente i germi e li trasmettono a chi le mangia.

Queste storie, sebbene molto popolari anche in Italia, sono due leggende metropolitane che nella versione che circola in Italia sono l'esatta google-traduzione di due leggende internet-popolari degli Stati Uniti . Sono state entrambe affrontate da snopes.com , celeberrimo sito americano che si occupa appunto di bufale ( snopes in inglese).

In pratica, non ci sono assolutamente prove circa la capacità delle cipolle di attirare i germi dall'aria , né per purificare gli ambienti né per infettare chi le mangia affettate da un po'. Piuttosto, quello che si sa è che lo scalogno, che non ha la pellicola protettiva della cipolla "classica", è più esposto alla veicolazione di microbi provocati dal contatto con tante mani o con un terreno contaminato, ma non ci sono assolutamente prove circa la "magneticità" delle cipolle riguardo a forme virali presenti nell'area.

Quindi se un vostro amico vuole farvi credere che non ci vogliono dire dei grandi poteri curativi delle cipolle solo per arricchire le case farmaceutiche, potete legittimamente avere ben più di un dubbio. Consultate un medico, di quelli bravi, ma per far curare il vostro amico. 

Claudio Pizzigallo   (Pizzi)


"Pizzi chi?" è anche su  Facebook  e  Twitter : seguici!

Commenti   

 
-1 #1 Fabiobiee 2013-05-23 12:38
La cipolla è semplicemente un antibatterico naturale.Un lungo articolo
per dire nulla.Da una parte un articolo preso dalla rete,Dall'altra ci
si contrappone un sito che lo definisce bufala.Tutto qui?
Citazione
 
 
+8 #2 Michela 2014-10-08 07:52
Che dire, non so se la cipolla sia veramente in grado di fare quanto scritto, ma posso assicurare, perchè provato e utilizzato tutt'ora, che mezza cipolla messa sul comodino prima di andare a dormire libera il naso e fa respirare meglio nel caso di grossi raffreddori. Non ci volevo credere, l'ho provato su mia figlia e su di me e mi sono dovuta ricredere. Probabilmente non è magica e non farà guarire da chissà quali malattie, ma ha lo stesso effetto delle creme balsamiche più conosciute, con alcuni vantaggi in più.. è più naturale, è più economica e solitamente è sempre disponibile.
Citazione
 
 
0 #3 orgasum 2016-06-17 17:54
my weblog: orgasum: http://www.Shieldselfstorage.ca/
Citazione
 
 
0 #4 Website Optimization 2017-10-20 00:59
I am not suгe where you'гe getting your information, but great topic.

I neeⅾѕ to spend some time learning more or understanding more.
Thanks for wonderful infoгmation I was looкing for this
info for mʏ mission.

My ѡeblog :: Website
Optimiᴢation: https://www.Rioxmarketing.com/
Citazione
 
 
0 #5 DennySmall 2018-02-19 12:09
I have checked your website and i have found some duplicate content, that's why you
don't rank high in google's search results, but there is a tool that
can help you to create 100% unique articles, search for:
Boorfe's tips unlimited content
Citazione
 
 
0 #6 JessicaChief 2018-03-21 16:56
I have checked your website and i have found some duplicate content, that's
why you don't rank high in google's search results, but there is a
tool that can help you to create 100% unique content, search
for: boorfe's tips unlimited content
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna