Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

La classe digerente del centrosinistra

 
" Con questa classe dirigente non vinceremo mai " diceva anni fa Nanni Moretti. Adesso che ci penso, però, credo che Nanni abbia sbagliato di poco: più che con la classe dirigente, doveva prendersela con quella DIGERENTE , la vera responsabile dell'eterno fallimento targato (centro)sinistra.

Per classe digerente intendo tutto quel "sottobosco" politico, tradizionale a sinistra e da qualche anno in espansione verso il centro, composto da migliaia di persone (militanti, tesserati o semplici pazzi, tra cui il sottoscritto, credo) che si nutrono di informazione politica (internazionale, nazionale e locale) per poi digerirla e diffonderla verso la massa . Una massa composta da milioni di "elettori semplici": gente che vota quando c'è da votare ma che poi (e prima) sta il più possibile alla larga dal "teatrino" della politica; e gente che, come chiunque, da qualche anno si informa sempre di più con "notizie di seconda mano". Se la politica si fa difficile, e il suo racconto di prima mano è sempre più ostico ai non addetti ai lavori, è normale cedere alla tentazione di ricorrere a informazioni destrutturate, più semplici da capire e da "digerire", appunto.

Così, uno status su facebook, un post su un blog del menga come questo o un tweet infuocato (allo stesso modo dell'opinione del panettiere sotto casa) possono diventare una fonte di informazione. E soprattutto di rabbia, considerato il tipico tono inkazzato dei leoni da tastiera (che non c'entrano con i giaguari da smacchiare) che schiumano mentre mandano a fanculo il "nemico" . Ma è proprio qui che intravvedo le colpe della classe digerente del Pd e in generale di chi si riconosce nei valori del centrosinistra in Italia. Me compreso, lo ripeto.

Perché se c'è una cosa su cui elettori ed eletti di sinistra si somigliano, più che i cani e i padroni nella scena iniziale della Carica dei 101 , è la demolizione continua del fronte interno (altro che la " oscena compattezza " rivendicata da Beppe Grillo per il suo MoVimento)

Ti piace Renzi ? " Bersani è un vecchio comunista con idee che non funzionano, incapace di dare nuova energia al Paese ".
Ti piace Bersani ? " Renzi è un giovane democristiano che è andato alla Ruota della Fortuna e già solo per questo non merita rispetto ".
Vorresti Rodotà presidente ? " Chi vota Napolitano non ha capito che la gente si è rotta le palle dei soliti nomi ".
Sei contento del Napolitano bis ? " Chi non è d'accordo con il secondo mandato è solo un grillino mascherato ".
Sei contro le larghe intese ? " Non è possibile ignorare le aperture del M5S e salvare il culo a Berlusconi ".
Sei a favore del governissimo ? " Il Pdl ha preso quasi gli stessi voti del Pd e quindi merita di stare al governo, a differenza di quei bombaroli del M5S ".
Apprezzi Civati ? " Ecco, lui è il vero volto nuovo del Pd, altro che quel pretino di Renzi " (v. sopra).
Approvi la condotta del Pd in questa difficile fase? " Chiunque la metta in crisi, come quella schifosa della Serracchiani, è solo l'ennesima persona che cerca una ribalta nazionale ".

L'elenco potrebbe essere pressoché infinito, e secondo alcuni il gioco dell'estate 2013 sarà proprio " Prendi per il culo il partito che voti! ".

Ironia? Certo. Doverosa autocritica? Vero. Onestà intellettuale? Forse. Senso di responsabilità? Manco per idea.

Perché se credi che il centrosinistra potrebbe ben governare, e ci credi a tal punto da votare Pd o Sel, forse dovresti pensarci due volte prima di prendere costantemente per il culo questo o quel rappresentante sul tuo diario di facebook. Non siamo ancora dalle parti di " Taci, il nemico ti ascolta ", per fortuna, ma i panni sporchi si lavavano in famiglia anche prima del fascismo.

Perciò mi rivolgo a te, elettore di sinistra appassionato di politica e di insulti ai tuoi "vicini".
Sì, proprio a te, rappresentante della classe digerente.

E ti dico questo: ogni tanto (lo so che è difficile) manda giù senza masticare tutto il veleno che ti offre il deludente scenario italiano. Forse farà un po' male a te e al tuo equilibrio psichico; ma di sicuro farà bene agli altri, a quelli che ancora non capiscono come si possa votare uno schieramento se persino i suoi elettori più convinti e dichiarati lo insultano pubblicamente.

Claudio Pizzigallo   (Pizzi)


"Pizzi chi?" è anche su  Facebook  e  Twitter : stacci dentro

Commenti   

 
0 #1 Andre 2013-05-02 06:06
post estremamente condivisibile, ma permettimi di aggiungere una
riflessione : nel 99% dei casi, autocritica, onestà intellettuale e,
soprattutto, senso di responsabilità c'entrano nulla. la presa per il
culo e l'insulto a questo o quell'esponente del Partito sono solamente
un modo per appagare esibizionismo e senso di onnipotenza. voler bene al
proprio Partito e rodersi il fegato quando le cose vanno male è molto
meno "cool" che saltare da un carro all'altro, a seconda della moda del
momento e nutrendosi di "like".
Citazione
 
 
0 #2 Pizzi chi? 2013-05-02 06:31
Credo proprio tu abbia ragione. Complimenti, sei riuscito a dire
qualcosa persino più impopolare di quello che ho scritto; mi dispiace,
quind i, ma non farai mai l'onorevole, almeno non a sinistra... ;-)
Citazione
 
 
0 #3 BestRoxanne 2018-10-29 06:38
I have noticed you don't monetize your page, don't waste your traffic, you can earn additional
bucks every month. You can use the best adsense alternative for any type of website (they approve all websites),
for more details simply search in gooogle:
boorfe's tips monetize your website
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna