Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

Linea 77 in tour, diario di bordo

 

Volete sapere cosa si prova a far parte di una rock band che riempie i palazzetti quando va in tour?

Ecco cosa scrive oggi Nitto Sainz, cantante dei Linea 77. Per farsi un'idea...

 

di Nitto Sainz

 

Ok, si parte.
La sveglia naturalmente non è delle migliori e neanche delle più puntuali.
Ouuu, c'era gara 7 ieri notte e mi son dovuto forzare a spegnere la tele e andare a dormire... Mamma mia Lebron mastodontico, però ho dovuto mollare alla fine del secondo quarto, con Miami in vantaggio... Certo non vuol dire nulla, Ginobili e soci sono caldi ma Miami sembra essere più incazzusa.

Sta di fatto che ho spento tutto nella speranza di non sapere nulla fino a lunedì, quando tornerò a casa... Niente.. All'apertura di fb il sogno è svanito... Miami ha vinto!! Fastidio saperlo così!! 


Esco di casa, carico Dade e andiamo verso la base ai Docks Dora! Siamo in ritardo... Elegante ritardo!! No...
Solo ritardo, Fastidioso ritardo. Mea culpa!

Inizia il carico del furgone. C'è un'arte dietro questa operazione... Come far stare tutto quell'ammasso di roba in 2 mq di vano è un fottuto mistero, ma Maggio e Tozzo riescono dove neanche i più grandi campioni di tetris riescono.

 

"SIAMO A TAPPO!" Grida Maggio (traduzione per i meno preparati: siamo talmente carichi che non ci sta neanche il pelo pubico di una cavalla... Per quelli ancora meno preparati: non ci sta piu nu cazz de nint!) 

Partiamo... Direzione Verona.
Primo di tre concerti.

 

Intervista radiofonica al fondo del furgone, mentre sulla nostra di radio passano i pezzi nuovi freschi freschi di pre produzione. Dade riprende tutti e tutto con la gopro. China lavora al mac, Pablito si spara un libro di Brizzi, Tavelsing dormicchia e ogni tanto si sveglia lanciando piccole frecciatine allo stomaco di tutti gridando "ho una fame formidabile". 


Capitano Tozzo non molla il volante neanche se gli spari e il sub comandante Maggio parla... parla... parla..... Parlaaaa... Parla... E continua a parlare tenendo comunque compagnia a chi guida. E con la sua esile vocina tiene svegli tutti, anche le macchine che sorpassiamo!!


Terremoto in Emilia, Ruzzle, alberi, camion, Alice in Chains, pali elettrici, campi, asfalto asfalto e ancora asfalto.
Qui è Nitto

Data astrale: ma sparati pagliaccio
Diario di bordo: puntata 1

 

LEGGI ANCHE: In tour con i Monaci del Surf - da Torino ad Altamura 

In tour con i Monaci del Surf - da Altamura a Roma 

In tour con i Monaci del Surf - da Roma a casa

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna