Vai alla homepage
Un po' di tutto,
scritto bene.

Raphael Gualazzi: musicista con i fiocchi!

 

 

La musicologa Carlotta e la sua "infatuazione" per il jazz del vincitore di Sanremo giovani del 2011

 

di Carlotta Invrea

Ultimamente mi piace farmi accarezzare dalle note del jazz...

 

In Italia è un genere musicale ritenuto “poco commerciale” quindi non molto pubblicizzato, quasi “di nicchia”.

Un degno esponente italiano di questo filone, un musicista capace di mixare il jazz dei primi anni del '900 alla liricità del blues rock, al soul e al ragtime, è Raphael Gualazzi (nome d'arte di Raffaele Gualazzi).

Figlio d'arte - il padre è Velio Gualazzi, fondatore degli Anonima Sound con Ivan Graziani - Raphael è un cantautore e pianista sempre più sulla cresta dell'onda.

 

Ha conquistato il grande pubblico vincendo il Festival di Sanremo del 2011 nella categoria giovani con il pezzo Follia d'Amore.

 

 

Il suo primo album viene pubblicato nel 2005 con il titolo Love Outside the Window, grazie al quale conquista sin da subito l'attenzione della critica e una prima significativa presenza sui media. Inizia a farsi conoscere dal pubblico italiano partecipando a vari festival jazz, e non solo in giro per la Penisola.

 

Il 16 febbraio 2011 esce il suo secondo album, dal titolo Reality and Fantasy, contenente anche il brano che lo ha portato alla vittoria al Festival della canzone italiana. Raphael Gualazzi, oltre che interprete, è anche produttore, compositore e arrangiatore di questo disco.

Da quel momento ha inizio la vera e propria scalata verso quel successo decisamente meritato.

 

Il terzo album, Happy Mistake, è uscito per la vendita lo scorso 14 febbraio con l'etichetta discografica Sugar e supportato da un tour che lo vedrà approdare nella mia Torino lunedì 15 luglio.

Raphael sarà accompagnato sul palco da nove musicisti, otto dei quali francesi tra cui tre coriste.

Viste le emozioni che è in grado di evocare attraverso i suoi album, si preannuncia uno spettacolo dal vivo  dinamico e ricco di atmosfera che alterna momenti suggestivi a momenti di energia intensa e travolgente, sulle linee del blues e del jazz con incursioni nel gospel e nel soul, senza dimenticare il rock ed il country...

 

Anche in questo caso non potrò mancare... 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna