Un piccolo gesto per la perfezione

18 Giugno 2013 0 Di Pizzi

 

 

La cravatta, il peggior nemico di molti uomini. Un nemico contro cui il migliore nodo alla cravattaalleato può essere una donna amata.

(Nota: le maiuscole non sono sparite a caso. Piccoli gesti…)

 

di Elvira Ferrara

avete mai aggiustato il nodo della cravatta del vostro lui,

o di vostro padre o di vostro fratello?

 

è uno dei gesti più belli che io conosca, un’attenzione nei confronti di chi amiamo che facciamo senza nemmeno soffermarci ad assaporare la sua bellezza. credo che la stessa sensazione sia data dall’aggiustargli il collo della camicia.

 

sei lì, a un passo da lui, dal suo volto, senti il suo profumo, e tutte le tue energie, la tua attenzione, la tua DEVOZIONE sono dedicate a lui.

gli eventi sono sempre gli stessi: un matrimonio, una comunione, una cena importante, magari una laurea. e lui chiede a te, che gli passi di sfuggita accanto, con ancora mille cose da fare, ma già col tuo vestito nuovo addosso, di aggiustare il nodo della cravatta. sì, la cravatta. la più grande nemica di alcuni uomini.

 

lui non ti guarda negli occhi, probabilmente guarda la sua figura riflessa nello specchio. e tu, tu guardi il leggero movimento delle tue mani. sono movimenti delicati, come se stessi accarezzando una creatura, e l’unica cosa a cui pensi è l’attenzione dei tuoi gesti.

 

una volta che hai finito, lo fissi come se fosse un’opera d’arte e soddisfatta sorridi. lui non ti guarda ancora, probabilmente guarda ancora il riflesso dello specchio, e tu affermi: “ora è perfetta!

non che sia consuetudine, ma dopo un gesto così intimo, io mi aspetto sempre un bacio sulla guancia, come se anche lui volesse suggellare l’intimità del rituale.

padre, fratello o amante, tutte noi almeno una volta abbiamo reso qualcuno perfetto e ricevuto un bacio da favola.